Informativa Cookies

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Accetto' acconsenti all'utilizzo dei cookie.Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa a questo link INFORMATIVA COOKIES

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

PRO GREEN BONSAI

L’arte della coltivazione dei bonsai ha origini molto antiche, essa infatti risale a più di mille anni fa ed anche se solitamente associata al Giappone, in realtà ha origine in Cina.
Realizzare bonsai è un’arte che comporta differenti conoscenze sia della botanica ma anche della fisiologia vegetale al fine di riprodurre l'emozione della pianta in natura all'interno di spazi e dimensioni ristrette.

Nel mondo del bonsai ogni pianta rappresenta un microsistema basato su equilibri molto sottili ed è per questo che la cura dei particolari diventa essenziale.

In questo articolo gli amici di BIOGES ci fornianno alcune indicazioni sulla concimazione autunnale

Cura e benessere del Bonsai durante la stagione autunnale

La creazione di un Bonsai è un’antica forma d’arte che mette insieme passione e professionalità.

Guardate intorno a voi nel cortile, in un giardino oppure in un paesaggio selvaggio; ovunque è possibile trovare materiale di partenza che raccolto accuratamente, durante la stagione appropriata, può dare inizio alla creazione di un bonsai. Si parte da un progetto che viene perseguito utilizzando differenti e specifiche tecniche che abbiano lo scopo di reindirizzare la crescita della pianta verso una più “piccola” ma altrettanto realistica. Dedizione e passione sono essenziali per la realizzazione di un Bonsai, anche se altrettanto importante è la concimazione che, con il giusto apporto di elementi nutritivi, aiuta a sostenete le piante per una crescita sana ed equilibrata.

Che ruolo ha la concimazione nella coltivazione bonsai?

La concimazione è una fase essenziale per il benessere del Bonsai in quanto in vostro “piccolo amico” non ha la possibilità di estendere molto il suo apparato radicale nella ricerca dei nutrienti e delle sostanze di cui ha bisogno. Le annaffiature recenti possono portare, inoltre, al dilavamento di preziosi nutrienti, che devono essere quindi reintegrati.
Ogni periodo di vita della pianta (fase fenologica), o stadio di lavorazione, ha delle particolari esigenze nutrizionali che vanno rispettate. Piante giovani ed in fase di lavorazione non avranno le stesse esigenze nutrizionali di piante adulte già stabilizzate, così come le esigenze nutrizionali del periodo primaverile saranno differenti rispetto a quelle del caldo periodo estivo. Una variazione nella composizione del fertilizzante può, ad esempio, indurre una crescita delle radici (rizogenesi), una riduzione delle dimensioni delle foglie, la crescita di nuovi rami oppure la produzione di un apparato fogliare più folto. Con la giusta concimazione si può intervenire su particolari problematiche come la carenza di microelementi, migliorare la struttura del terreno favorendo la ritenzione idrica o anche arricchire e rinnovare la carica microbica del suolo. Azoto (N), fosforo (P) e potassio (K) sono tra gli elementi essenziali per la nutrizione delle piante e sono alla base di numerose formulazioni.

AZOTO (N)

FOSFORO (P)

POTASSIO (K)

Indispensabile per la sintesi di proteica.

Alto contenuto di azoto stimola la ripresa vegetativa.

Presente nei fosfolipidi, zuccheri fosforilati ed acidi nucleici (DNA). Il fosforo è coinvolto nel processo di rizogenesi, di fioritura e fruttificazione.

Importante attivatore enzimatico.

Il potassio aiuta la pianta nel superamento di stress idrici/termici.

Come scegliere la giusta strategia di concimazione nel periodo autunnale?

Il periodo autunnale può essere considerato un periodo di transizione tra il caldo estivo ed il freddo invernale. Settembre, infatti, con le sue giornate calde può essere considerato una “seconda primavera” le temperature miti possono portare ad una seconda fase vegetativa con richiesta di azoto da parte delle piante. Durante il periodo autunnale bisogna preparare le piante ad affrontare l’inverno utilizzando concimi con più alto titolo di fosforo e potassio che aiutino a rinforzare la struttura della pianta.

Pro Green Bonsai è il nuovo Kit della Bioges per soddisfare le esigenze dei tuoi bonsai nel periodo autunno/inverno. Il kit, progettato per appassionati e neofiti del mondo bonsai, comprende tre prodotti :

Bio Slow, è un concime biologico in pellet (diametro 3.5 mm) che si caratterizza per il rilascio graduale dei nutrienti. La presenza di azoto e della matrice organica umificata, ricca in acidi umici e fulvici, consentono di chelare e rendere disponibili elementi nutritivi come potassio, meso e micro elementi, indispensabili per la nutrizione della pianta.

Giovis PK 30-20  è un concime binario a base di fosforo e potassio, ad azione irrobustente, che interviene in tutti i processi biologici delle tue piante stimolando i processi di lignificazione nel periodo autunnale grazie al titolo elevato di fosforo e potassio. In particolare il fosforo stimola la crescita dei tessuti, mentre il potassio regola l’assorbimento idrico e la traspirazione, favorendo una crescita sana della pianta.

Bio Complet Plus è un prodotto che unisce l’efficacia degli acidi umici (da leonardite) e degli idrolizzati proteici. La speciale formulazione vanta, inoltre, della tecnologia RyZea, che apporta un’elevata concentrazione di molecole bioattive che contribuiscono alla nutrizione e alla crescita delle piante, favorendo, inoltre, lo sviluppo dell’apparato radicale.

Bonsai Suiseki Magazine
Vai all'inizio della pagina