Bonsai

Bonsai

Bonsai di Quercia

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine

La Quercia, principali caratterisitiche botaniche della specie

e consigli per l'utilizzo in ambito bonsaistico di questa essenza.

Il genere quercia appartiene, con Faggio e Castagno, alla famiglia delle Fagacee. Una decina di specie sono spontanee in Italia:Quercus ilex (Leccio), Q.coccifera (Spinosa) e Q.Suber (Sughera) sono sempreverdi;Q. cerris (Cerro), Q.rubra (Americana), Q. farnetto (Farnetto o d'Ungheria), Q. palustris (Palustre), Q.Pubescens (Roverella), Q.petraea (Rovere), Q.robur (Farnia) sono invece spoglianti.

Bonsai Suiseki Magazine

AQuercus pubescens - Coll. Giacomo Pappalardo

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine

Le specie conosciute sono circa cinquecento e sono diffuse specialmente nell'emisfero boreale, in America settentrionale, in Europa, nelle regioni mediterranee e in Asia Occidentale. La distribuzione della pianta è molto varia, dal livello del mare sino ai 4000 m. delle regioni himalayane. Queste essenze preferiscono un terreno sufficientemente fertile, non troppo sabbioso o troppo asciutto. Al genere appartengono sia specie con chioma ad albero che ad arbusto, sempreverdi o semi-sempreverdi (ovvero che superano l'inverno con foglie che cadono in primavera, quando iniziano a vegetare) oppure decidue.
Le foglie sono raramente intere ed i margini sono di solito incisi o lobati in vari modi. I fiori maschili e femminili sono sullo stesso albero: i fiori maschili sono in amenti penduli, i femminili solitari o in spighe di due o più fiori. Il frutto è una ghianda più o meno racchiusa, dalla base verso l'alto, da un involucro (cupola) composto da squame. le querce sono impollinate dal vento e l'ibridazione è frequente, il che complica molto l'identificazione della specie di appartenenza.

< Quercia in formazione - Coll. Alfredo Salaccione

PRINCIPALI SPECIE DI QUERCUS
Al primo gruppo appartengono piante con foglie sempreverdi, che permangono più di un anno attaccate ai rami. Le foglie sono ovolo-ellittiche a margine liscio o sinuato a denti acuti. A questo gruppo appartengono le seguenti specie:
Q.coccifera. La quercia spinosa è solitamente un arbusto di circa due mt. di altezza. Le foglie sono larghe, lunghe cinque cm., dentellate con denti appuntiti;
Q.myrsinaefolia. Originaria della Cina e del Giappone può raggiungere i enti metri di altezza, le foglie seghettate e lanceolate, sono lunghe da cinque a dodici cm.;
Q.suber. La quercia da sughero può raggiungere i venti metri di altezza, ha la corteccia suberosa e le foglie sono ovato-oblunghe con lunghezza da tre a sette cm.;
Q.ilex. Il Leccio raggiunge i venti metri di altezza, le foglie sono ovato-lanceolate, lunghe da tre a 7 cm., possono essere intere o più o meno seghettate.

Al secondo punto appartengono piante decidue o semidecidue, con foglie intere obovate a lobi acuti:
Q.palustris, che può raggiungere i trenta metri di altezza;
Q.rubra. La quercia rossa americana raggiunge i venticinque mt. di altezza, ha rametti di colore rosso scuro e foglie oblunghe lunghe da dodici a venti cm. E' particolarmente impiegata come pianta ornamentale.
Q.Libani. La quercia del Libano raggiunge i dieci metri di altezza con foglie oblunghe lanceolate a margini seghettati.
Q.cerris. Il Cerro raggiunge i trentotto metri di altezza, le foglie sono ellissoidali-oblunghe, dentate, lunghe da cinque a dieci cm.

Al terzo gruppo appartengono piante decidue e semidecidue con foglie intere, obovate a lobi ottusi:
Q.robur. La farnia raggiunge i quarantacinque metri di altezza, le foglie sono ovato-oblunghe, lobate, lunghe da cinque a dodici cm.;
Q.petraea. La rovere raggiunge un'altezza media di 40 mt. Le foglie sono ovato-oblunghe con cinque-nove lobi arrotondati;
Q.pubescens. La roverella può raggiungere dai venti ai venticinque metri di altezza, o in alternativa puù assumere un portamento cespuglioso, con foglie lunghe da cinque a otto cm.tterizzate da un corto picciolo (otto-dodici mm.). E' una specie che predilige un habitat caldo e asciutto. Viene utilizzata per rimboschimenti in regioni aride con terreni di tipo calcareo.

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine

Tutte le specie sono longeve e, se in salute, si prestano bene per la coltivazione a bonsai. Le caratteristiche naturali che si possono maggiormente ammirare sono radici e tronco. Le radici sono generalmente possenti e la parte visiva (nebari) può essere educata facilmente. Un buon sistema per far ingrossare la base delle radici è quello di lasciar crescere liberamente eventuali polloni che si potrebbero sviluppare da esse, stimolati da potature drastiche di radici e rami. Le vecchie radici emettono facilmente radichette, se potate. Il tronco è forse la caratteristica migliore delle Querce, a patto che sia conico e di una certa età.
Le vecchie ferite possono essere scavate dando al tronco un tocco di vetustà tutt'altro che disprezzabile. Del tronco si può ammirare la corteccia che è stupenda nelle Sughere, ma altrettanto bella in in tutte le altre specie. I rami e le foglie sono due aspetti particolari nelle Querce trattate a bonsai. I rami ingrossano con difficoltà e, se vecchi, sono facilmente attaccabili da parassiti che, minandole il midollo, ne provocano il disseccamento. Sono anche difficilmente modellabili con il filo, soprattutto se vecchi e malati, necessitano perciò, alternativamente, di continue potature di modellazione o, se il caso, di tensori e morsetti. I giovani rami sono invece facilmente lavorabili, anche se richiedono interventi ripetuti a causa della loro flessibilità.

< Quercus ilex - Coll. Stefano Frisoni

Bonsai Suiseki Magazine

AGiacomo Pappalardo assieme a due esemplari di Quercus pubescens

Le foglie sono generalmente piccole nelle varietà sempreverdi, di grosse dimensioni nelle varietà spoglianti e con colori stupendi all'arrivo dell'autunno. Radici possenti, tronco massiccio e foglie grandi si associano bene in esemplari di dimensioni medio-grandi. Vediamo gli interventi di tecnica bonsai.

RIMOZIONE GERMOGLI
Tutte le querce hanno una spiccata predominanza apicale che porta il nuovo germoglio ad avere gemme alle sole ascelle fogliari apicali. Il nostro lavoro sarà quello di contrastare questa tendenza con una pinzatura del germoglio effettuata molto presto, a fine maggio-primi di giugno, da effettuarsi con le dita e riducendo il numero delle foglie da sei a due. Così facendo è possibile che non si abbia una nuova germinazione nell'anno, ma sicuramente all'ascella delle foglie rimaste sarà presente una gemma dormiente che la primavera successiva darà un nuovo germoglio. Non è consigliabile la defogliazione perchè difficilmente la pianta emetterà nuovi germogli nell'anno e, se ciò avvenisse, solamente con forti stress che si pagherebbero negli anni successivi con morte di rami secondari o addirittura primari. Una buona ramificazione terziaria abbisogna di un periodo di mantenimento piuttosto lungo.

POTATURA RAMI
E' importante che il taglio venga effettuato appena dopo una gemma, prima della ripresa vegetativa. Se ciò non fosse si correrebbe il rischio di perdere il ramo per disseccamento. Proteggere i grossi tagli con del mastice.

ANNAFFIATURE
Molta acqua durante tutta la stagione vegetativa, ma solo a terreno asciutto per un buon 80%. Durante il periodo invernale diradare le annaffiature. E' una pianta che deve essere irrigata con cura dalla primavera all'autunno. E' necessario un buon drenaggio mantenendo però umido il pane di terra per tutto l'anno.

APPLICAZIONE DEL FILO
Il filo metallico, rame o alluminio, può essere applicato durante tutto il periodo vegetativo, ma il momento migliore è quando la crescita fogliare rallenta e i nuovi germogli si sono definitivamente ingrossati, indicativamente tra la fine di maggio e la metà di giugno.

TRAPIANTO
Frequente per esemplari giovani e al massimo ogni tre o quattro anni per le piante mature. Il motivo è l'abbondante formazione di radichette in poco tempo. Per piante raccolte in natura non rinvasare nei primi due anni. Il periodo migliore è alla ripresa vegetativa, fra febbraio e marzo. Le radici vanno tagliate in una percentuale del 45-50% senza danneggiare il fittone che non deve essere accorciato neppure nelle piante giovani (a differenza di altre essenze nelle quali il fittone deve essere accorciato al primo rinvaso). Quasi tutte le querce possono vivere in vari tipi di terreno: alcune, come la roverella vivono bene anche in terreni calcarei, altre invece, come la rovere e il cerro, vivono bene anche in terreni leggermente acidi . E' opportuno ricordare che le radici di tutte le specie apparteneneti a questa famiglia vivono in simbiosi con diversi tipi di micorriza: durante il trapianto (o meglio prima) conviene raccogliere del terreno vecchio e mescolarlo al terreno preparato per il rinvaso, in modo da trasferire i ceppi di tali funghi benefici. Il terriccio dovrà essere molto drenante e, vista la facilità con cui tette le specie vengono attaccate da un'infinità di parassiti e muffe, esente da malattie crittogame e parassiti vari. Consigliato l'uso di substrati quali akadama e pomici, ai quali aggiungere, per piante raccolte in natura un 20% di sabbia di fiume mista a torba bionda al primo rinvaso, per favorire la formazione di radichette. Assicurare, come sempre, la presenza di uno strato di materiale drenante posto sul fondo del vaso.

CONCIMAZIONE
Usare abbondantemente concimi organici a lenta cessione almeno quattro volte l'anno, febbraio-marzo, maggio, fine agosto, metà ottobre. Alternativamente concimi liquidi sempre di tipo organico, seguendo le corrette dosi riportate sulla confezione e in maniera continuativa.

MALATTIE
Vista la gran quantità di avversità che colpiscono le Querce sembra un miracolo il fatto che queste piante siano così longeve. Fra i parassiti chermococchi, tortrici, carie del legno, processionaria, fillossera, cinipidi sono fra i più comuni, mentre mal bianco e marciumi radicali sono le più diffuse malattie crittogame. La miglior difesa sembra a tutt'oggi la prevenzione invernale e durante il periodo vegetativo, secondo lo schema sotto riportato:

Ripresa vegetativa (apertura gemme) olio bianco + insetticida + fungicida a base di zolfo;
Stagione vegetativa ogni tre settimane insetticida più fungicida e/o antioidico;
Caduta foglie fungicida e/o antioidico + olio bianco.

Una nota particolare, tra le patologie, merita il mal bianco o oidio, che richiede trattamenti e prodotti particolari. Il mal bianco è una malattia crittogama molto diffusa su tutte le varietà di Quercus (ad eccezione di Quercus rubra) sia a foglie persistenti che non. Normalmente gli attacchi di questo fungo non sono letali per la pianta ma possono creare vari problemi alle foglie e ai nuovi germogli, se l'attacco è molto esteso. la pagina superiore della foglia è la più colpita; si ricopre prima di macchie bianche e poi necrotizza. I trattamenti specifici, se effettuati quando l'infezione è ormai estesa, servono solo per fermare la propagazione. Interventi preventivi mirati si possono effettuare invece alla fine di periodi molto piovosi e con temperature alte (circa 20°C e 80% UR), da fine primavera a fine estate. E' infatti in questo momento particolare che si diffonde l'infezione. Quindi un intervento antioidico, nell 24-48 ore successive a periodi piovosi, impedisce la formazione di nuovo micelio. Importante l'uso di prodotti specifici antioidici.

ESPOSIZIONE
Sceglere sempre una posizione soleggiata e ventilata per tutto l'anno, ma soprattutto in inverno. Riparare dal sole estivo solo in agosto e solo per esposizioni a sud-ovest. Riparare dal gelo Quercus ilex e Quercus suber. Inclinare il vaso su un lato in caso di pioggie persistenti. La farnia vive bene con molta luce, e quindi in pieno sole, la rovere vive bene a mezz'ombra in estate ed in pieno sole in altre stagioni.

PROPAGAZIONE
Per seme o per margotta. La semina da risultati piuttosto soddisfacenti solo se i semi vengono subito interrati dopo la raccolta in autunno, perchè perdono facilmente la capacità germinatoria. Interrare i semi con la punta rivolta verso l'alto. Dopo la gemmazione eliminare il fittone. La margotta si può eseguire con la tecnica classica in primavera.

NOTE PARTICOLARI
Scegliere vasi piuttosto profondi, con carattere deciso e smaltati. Accostare il colore del fogliame, soprattutto autunnale, con il colore del vaso. Spesse volte alcuni esemplari presentano dei brutti rigonfiamenti al colletto. Per eliminarli non rimane che la margotta appena sopra la parte imperfetta.

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine

ARoverella in formazione - Coll. Carlo Scafuri

Social Share:

I tuoi commenti

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Scorri la barra orizzontale, ci sono altri articoli interessanti in questa sezione

Bonsai di Pino mugo - Le due ballerine
Mario Pavone

Bonsai di Pino mugo Le due ballerine Questo pino mugo, è entrato in mio possesso nel 2008. In un primo...

Bonsai di Ginepro
Rossana Peritore

Bonsai di Ginepro La ragazza dei sette veli La storia inizia in una fredda domenica mattina di Febbraio dell’anno scorso...

Bonsai di kaki
Umberto Scognamiglio

Bonsai di kaki KAKI I cachi che colorano le colline e i campi annunciano l'autunno in Giappone. L'aura di dignità...

Bonsai stile bunjin
Antonio Acampora

Bonsai stile bunjin BUNJIN L'esaltazione dell'essenzialità L'albero che appare nelle fotografie è un esemplare dal tronco vecchio e sottile, con...

Disegnare un bonsai
Gian Luigi Enny

Disegnare un bonsai Subito dopo aver postato sul forum alcuni miei disegni di bonsai, un paio di soci mi proposero...

The 8th World Bonsai Convention a Saitama
Giulio Veronese

The 8th World Bonsai Convention a Saitama Riceviamo e molto volentieri pubblichiamo un articolo di Giulio Veronese, un affermato giardiniere...

La quiete dopo la tempesta
Antonio Cerasuolo

La quiete dopo la tempesta Diedi questo nome all’olivastro oggetto di questa lavorazione perché il giorno in cui iniziai a...

Lavorazione di un Ginepro Itoigawa
Mario Pavone

Lavorazione di un Ginepro Itoigawa Questo ginepro della varietà itoigawa mi fu proposto da un amico per fotografia faceva parte...

Ice Falling Water
Mauro Stemberger

Ice Falling Water La ricerca delle piante con uno spiccato carattere è una delle cose che più mi affascinano nell’Arte...

Cambio di vento
Antonio Gesualdi

Cambio di vento Il Ginepro Fenicio rappresenta attualmente in Italia una delle più importanti cupressace a squama di interesse bonsaistico...

I luoghi del mondo hanno un odore

I luoghi del mondo hanno un odore I luoghi del mondo hanno un odore, quello che mi arriva aprendo la...

The beauty face of ugly
Mauro Stemberger

The beauty face of ugly Era il 2006 quando ebbi l'opportunità di acquistare da un raccoglitore questo interessantissimo araki di...

Un Silvestre da rimodellare
Antonio Conte

Un Silvestre da rimodellare L'amico Fabio Sigismondi del Bonsai Club di Novara mi lancia una nuova sfida affidandomi un silvestre...

Gli Acidi Umici
Luca Bragazzi

Gli Acidi Umici Il loro ruolo nella coltivazione Bonsai. Le "sostanze umiche" si dividono in tre principali frazioni: acidi fulvici,...

Coltivazione da seme
A.Acampora - F.Lepore

Coltivazione da seme Questo metodo richiede molta pazienza e meticolosità, ma permette di ottenere alberi particolarmente apprezzati. Una cosa da...

Jumiperus Basilisk
Nicola Crivelli

Juniperus Basilisk Ho acquistato questo Shinpaku (juniperus chinensis) nel 2004 per lavorarlo ad un workshop con il Maestro Suzuki Morio....

Storia di un Juniperus sabina
Sergio Biagi

Storia di un Juniperus sabina Correva l'anno 2000, in quegli anni era ancora una mia abitudine andare nei vivai a...

Bosco di faggi su pietra
Nicola Crivelli

Bosco di faggi su pietra Lo stile Yose-ue (boschetto), come lo stile Ishizuki (bonsai su roccia), fa parte della categoria...

Cipresso toscano inclinato
Sergio Biagi

Bonsai di Cipresso toscano inclinato Questa è una storia forse come tante, in un momento in cui il bonsai italiano...

Storia di un bonsai di Ficus
Alessandro Valfrè

Storia di un bonsai di Ficus Il ficus: un'essenza che può dire poco se impostata, come spesso si vede, secondo...

Boschetto di olmi su pietra
Gian Luigi Enny

Boschetto di olmi su pietra Tecniche di realizzazione di un boschetto di olmi (autoctoni) Posa su lastra di pietra, progetto...

Da tronco a Bonsai
Mauro Stenberger

Tasso - Da tronco a Bonsai Da semplice “Tronco" a “Bonsai” l’evoluzione di un tasso Asturiano raccontata da Mauro Stemberger...

Il primo step
Andrea Trevisan

Pino silvestre - Il primo step Questo Pino Silvestre è un materiale di provenienza francese raccolto durante la primavera del...

I concimi chimici
Luca Bragazzi

Bonsai e concimi chimici La concimazione è una pratica estremamente diffusa, se la si guarda sotto il profilo agricolo, essa...

Il Bosco
Massimo Bandera

Il Bosco Bonsai Le regole che determinano la composizione del bosco a bonsai sono molteplici e concorrono tutte al ricercare...

Se una mattina d'inverno un viaggiatore

Se una mattina d'inverno un viaggiatore Se una mattina d´inverno un viaggiatore..... E´entrato nella stanza con solo l´ accappatoio ridendo...

AK è il primo allievo

AK è il primo allievo Ak è il primo allievo ed qui da 4 anni, il prossimo anno dovrebbe essere...

Ricottura del filo di rame
Sergio Guerra

Ricottura del filo di rame per Bonsai All’inizio della mia avventura nel mondo dei bonsai non ho mai avuto problemi...

Realizziamo un Bonkei
Gian Luigi Enny

Realizziamo un Bonkei Con il termine bonkei (paesaggio in vassoio) s’indica l’arte di comporre un paesaggio in miniatura. Le origini...

L’occasione del fare
Valerio Cannizzo

L’occasione del fare “Bisogna realizzare, è inutile parlare di come è fatta una casa, bisogna costruirla passo per passo, momento...

La scelta del materiale di partenza
Antonio Acampora

Scelta del materiale di partenza per Bonsai L'esperienza più scoraggiante per un principiante bonsaista è forse il non riuscire a...

La pizzicatura
Antonio Acampora

La pizzicatura Un bonsai viene modellato ininterrottamente durante tutta la sua vita. Tra le varie tecniche di modellatura che sono...

Il rinvaso
Antonio Acampora

Il rinvaso di un Bonsai La tecnica del rinvaso, correttamente applicata, ha un valore fondamentale nell’arte bonsai sia dal lato...

I concimi organici - evoluzioni tecniche
Luca Bragazzi

I concimi organici - evoluzioni tecniche Dopo aver descritto i benefici della concimazione organica nella pratica agronomica della concimazione applicata...

I concimi organici
Luca Bragazzi

Bonsai e concimi organici In questa seconda parte sulla concimazione, trattiamo un argomento, che, a mio avviso, è di estrema...

Costruzione di un tavolino
Sergio Guerra

Costruzione di un tavolino per esporre Bonsai Fin da bambino venni attratto dalla lavorazione del legno ragione per cui vivendo...

Costituire un club
Staff

Costituire un club Bonsai o Suiseki Sono sempre di più le persone che intendono dedicarsi all'arte del bonsai ma non...

Avvolgimento del filo
Antonio Acampora

Avvolgimento del filo sui Bonsai L’avvolgimento è il più importante processo intermedio di modellazione, effettuato per finalità estetiche che viene...

Patologia Vegetale Iv parte
Luca Bragazzi

Patologia Vegetale IV parte Proseguendo nei discorsi di entomologia agraria, vediamo in questo articolo un altro gruppo di insetti parenti...

Patologia Vegetale III parte
Luca Bragazzi

Patologia Vegetale III parte Abbiamo trattato in precedenza di due gruppi di insetti molto “popolari” tra i nostri bonsai: le...

Patologia Vegetale II parte
Luca Bragazzi

Patologia Vegetale II parte Proseguendo il discorso sugli insetti dannosi ed in particolare su quelli considerati “vettori” come gli afidi,...

Patologia Vegetale I parte
Luca Bragazzi

Patologia Vegetale I parte La patologia vegetale, è una delle Scienze Agrarie che studia le alterazioni strutturali e/o fisiologiche di...

Uso delle micorrize nella coltivazione bonsai
Luca Bragazzi

Uso delle micorrize nella coltivazione bonsai Le concimazioni autunnali vengono operate in un periodo in cui le condizioni ambientali, intese...

I Terricci
A.Acampora - P.Strada

Scelta dei Terricci per Bonsai Il ruolo importante che ha il terriccio per il bonsai viene spesso sottovalutato e troppo...

I Micro-elementi
Luca Bragazzi

I Micro-elementi Le nozioni che vengono trasmesse nel campo della concimazione sono sempre inerenti alla somministrazione dei tre Macro-Elementi (Azoto,...

I biostimolanti nelle pratiche agronomiche bonsai
Luca Bragazzi

I biostimolanti nelle pratiche agronomiche bonsai In campo bonsaistico le sostanze biostimolanti hanno fatto la loro comparsa solo da qualche...

Kiryu e lapillo
Luca Bragazzi

Kiryu e lapillo Nella composizione di un substrato, bisogna tenere presente di tutti gli aspetti che caratterizzano ogni suolo al...

Larice
Staff

Larice Il Larice appartiene alla famiglia delle Pinaceae e il genere comprende 12 specie.E‘ un albero a foglia caduca alto...

Acero tridente
Acampora-Ricchiari-Strada

Bonsai Acero tridente L’Acero Tridente (Acer buergerianum) é entrato nell’immaginario collettivo anche tra i non esperti di arte bonsai, come...

Carpino
Antonio Acampora

Bonsai di Carpino Il genere Carpinus contiene circa 35 specie di piante, con alberi di media e grande dimensione A...

Olivo
Antonio Ricchiari

Bonsai di Olivo L’Olivo interpreta l’essenza e l’identità del bacino del Mediterraneo, la sua millenaria storia, di popoli antichi e...

Pinus thunbergii
Umberto Scognamiglio

Bonsai Pinus thunbergii KUROMATSU - Il Giappone viene descritto come “il paese del pino”; quest’albero è stato a lungo una...

Olmo campestre
Gian Luigi Enny

Bonsai Olmo campestre Scheda di coltivazione a bonsai dell' Olmo campestre Un'essenza autoctona molto robusta e da valorizzare Scheda Tecnica...

L'acqua d'irrigazione e la sua qualità
Luca Bragazzi

L'acqua d'irrigazione per i Bonsai Nella pratica quotidiana della coltivazione bonsai, molti aspetti agronomici convergono, grazie ai nostri controlli su...

Il Ficus
Carlo Oddone

Bonsai di Ficus Si prestano a diventare bonsai sia i Ficus "orientali" che quelli nostrani. Un'enorme numero di varietù di...

Bougainvillea
Antonio Ricchiari

Bonsai di Bougainvillea La Bouganvillea - Famiglia: Nyctaginaceae Genere: Bougainvillea Specie: B. aurantiaca, B. buttiana, B. glabra, B. hybrid, B....

Il fascino varietale
Massimo Bandera

Bonsai e fascino varietale Durante una lezione col Maestro, ho avuto occasione di parlare delle varieta selezionate in rapporto alla...

La Quercia
Antonio Acampora

Bonsai di Quercia La Quercia, principali caratterisitiche botaniche della specie e consigli per l'utilizzo in ambito bonsaistico di questa essenza....

Ezomatsu
Umberto Scognamiglio

Bonsai di Picea Ezomatsu Prima della seconda guerra mondiale gli alberi allo stato naturale necessari alla coltivazione del bonsai venivano...

Torna su