Bonsai

Bonsai

Bonsai di Bougainvillea

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine

La Bouganvillea - Famiglia: Nyctaginaceae Genere: Bougainvillea Specie: B. aurantiaca, B. buttiana, B. glabra, B. hybrid, B. spectabilis, B. splendens, B. trolli, B. valverde

E’ uno spettacolo vedere una bouganvillea in fiore, perché le cultivar che si trovano in vivaio hanno svariate tonalità che variano dal rosso al giallo, dal lilla al carminio; non sono soltanto viola le brattee che sorreggono i fiori: sono state selezionate eccezionali varietà in numerosi colori. 

Nelle regioni calde questa generosissima pianta ha una fioritura spettacolare dovuta appunto alla temperatura e alla particolare umidità. Qualche problema insorge nelle regioni del nord, dove la pianta ha, per i rigori del clima invernale, una fioritura ridotta e irregolare e dove si rende necessario proteggerla.
Non sopporta le gelate, predilige esposizioni molto soleggiate ed aperte. Sopporta abbastanza bene la siccità e questo ci dovrebbe far comportare di conseguenza anche per il suo utilizzo a bonsai.
Il nome di questa pianta si origina da Luoise Antoine de Bougainville, vissuto nel ‘700, comandante di corvetta a cui il botanico Commerson, nel 1767 dedicò la sua scoperta fatta a Tahiti dove per la prima volta vide questo splendido rampicante che abbelliva tutti i giardini del luogo. Il nome scientifico è Bougainvillea spp. ed appartiene alla famiglia delle Nyctagynaceae. Pianta a foglia persistente, con lamina ovoidale o ovata-lanceolata, ad apice acuto, pronunciato con margine intero e ondulato. Le foglie sono lunghe 5-12 centimetri, picciolate, inserite in modo alterno sui rametti. Sono di colore verde più o meno intenso a seconda della varietà. Quelle che circondano i fiori sono colorate e hanno funzione vessillare. I rametti sono verdastri o verde-brunastri e spinosi.
Chi abita le regioni mediterranee è abituato a vedere ovunque la bougainvillea protagonista nei giardini, nelle ville, presente nei vivai con due specie: la spectabilis e la glabra, mentre B. x buttiana - un ibrido naturale - deriva dall’incrocio di B. glabra con B. peruviana. La Bougainvillea spectabilis è una specie vigorosa, con foglie grandi e pelose, ha brattee lillà più ampie di quella di B. glabra raggruppa i fiori all’apice dei rami; produce grosse spine ricurve, non sopporta eccessivamente la potatura e soffre le gelate. La Bougainvillea glabra è invece più rustica, con foglie più piccole e prive di peli, brattee viola.
La varietà che si presta di più alla coltivazione in vaso e alle potature è la “Sanderiana”, la quale sboccia senza interruzione per tutta la stagione vegetativa. La Bougainvillea x buttiana è conosciuta per il colore cremisi dei suoi fiori; le sue brattee sono ondulate e rosso cremisi quando si aprono, divengono più violacee esposte al sole. Altre cultivar impiegate sono “Jamaica White”, adatta alla coltivazione in vaso, a crescita lenta, rifiorente, da esporre in pieno sole. La “California Gold”, con brattee giallo-arancio, non sopporta basse temperature, cresce con moderazione e le sue foglie sono verde scuro. La “After Glow” viene anch’essa coltivata in vaso e ha fiori colore arancio.

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine
Seguici su Bonsai Suiseki Magazine
Seguici su Bonsai Suiseki Magazine
Seguici su Bonsai Suiseki Magazine

Fig. 1 - Coll. Fausta Lepore

Fig. 2 - Petali di bougainvillea su di una scalinata

Fig. 3 - Coll. Michele Esposito.

Fig. 4 -Bougainvillea in formazione Coll. Giuseppe Messina

Nelle regioni settentrionali è opportuno esporre queste piante in sito soleggiato e quando la temperatura abbassa ulteriormente vanno protette con materiale coibente e ritirate in serra per proteggere anche la parte aerea. Comunque non deve permanere dove la temperatura si abbassa al di sotto dei 5° C, quindi per i bonsaisti del nord la Bouganvillea va catalogata come Bonsai da interni. Con il clima giusto non ci sono problemi. Nelle regioni settentrionali è opportuno esporre queste piante in sito soleggiato e quando la temperatura abbassa ulteriormente vanno protette con materiale coibente e ritirate in serra per proteggere anche la parte aerea. Comunque non deve permanere dove la temperatura si abbassa al di sotto dei 5° C, quindi per i bonsaisti del nord la Bougainvillea va catalogata come Bonsai da interni. La Bougainvillea fa parte di quel patrimonio di essenze autoctone che dal punto di vista bonsaistico possono permetterci di creare uno stile italiano inteso non soltanto come una nuova ricerca di forme e una nuova estetica, ma rivolto all’impiego e alla lavorazione di essenze tipiche del nostro Paese quali l’ulivo, il timo, il rosmarino, la sughera, il pino d’Aleppo, il leccio, la ginestra etc.: essenze che sicuramente spiccano anche se avvicinate alle sorelle giapponesi. La bougainvillea si distingue per la particolarità delle sue infiorescenze; queste ultime si compongono di brattee (foglie mutate), di vari colori e tonalità che circondano il fiore vero e proprio di color giallo-bianco. Il periodo della fioritura va da giugno alla fine dell’autunno.

Riproduzione

Avviene anche per talea: in estate si prelevano talee legnose della lunghezza di circa 7 cm, che dovranno essere piantate in una composta sabbiosa, in vasi di circa 6 cm di diametro. Per un periodo di 3 settimane, il periodo del radicamento, è bene collocarle in apposite cassette al fine di garantire alle piantine una temperatura di circa 20-25 °C. In alternativa talee di 15 cm possono essere prelevate da rami più maturi a gennaio. La procedura da seguire per ottenere il radicamento è la stessa vista sopra; la temperatura da mantenere è di circa 18 °C. La moltiplicazione è molto facile anche per divisione di una grossa radice, sia per margotta, a patto che queste operazioni si eseguano in piena estate. In primavera inoltrata si possono prelevare talee semilegnose lunghe una decina di centimetri e si mettono a radicare in un composto di torba e sabbia per circa un mese ad una temperatura di 22-26°C. Quando le radici saranno sviluppate, si cambierà il vaso con uno più grande per trapiantare dopo un anno.

Consigli per la coltivazione

La Bougainvillea cresce bene in substrati di medio impasto, ben drenanti e non troppo calcarei. Ha necessità di essere allevata in un terriccio ricco, fertile e sciolto, che contenga molta sabbia o pomice (calcolate nella miscela circa 3-4 parti su 10); alla base del vaso un buon drenaggio per permettere all’acqua di penetrare bene e fuoriuscire. Per l’esposizione della pianta non dimenticate che ha bisogno di molta luce e molto sole, mentre per quanto riguarda la fertilizzazione, in autunno va somministrato un prodotto liquido completo e per tutto il periodo della fioritura un prodotto a lenta cessione. La bougainvillea va innaffiata con una certa generosità durante tutto il periodo vegetativo. La coltivazione della bouganvillea presenta qualche problema come d’altronde tutti i bonsai da fiore. Pretendere da un bonsai una abbondante fioritura è molto appagante dal punto di vista estetico, ma rischioso per l’esigenza energetica che richiede la pianta in quella particolare fase. A differenza di altre specie, le piante da fiore presentano tipi differenti di gemme e di rami. Questo significa una potatura più accorta e diversa. La dimensione dei fiori deve essere proporzionata ai rami e alle impalcature. Nei soggetti giovani occorre limitare gli interventi di potatura. E’ bene tenere presente che la potatura è inversamente proporzionale al vigore della bouganvillea al momento dell’intervento e va controllato appunto il vigore dei rami che peraltro non è mai uniforme: i rami più deboli fruttificheranno prima, quelli più forti lo faranno in ritardo ma con abbondanza. Questa fiorisce sui getti maturi dell’anno precedente che vanno potati subito dopo la fioritura, per garantire ai nuovi getti il tempo necessario per crescere e maturare prima dell’inverno. Se vengono potati molto presto, alcuni soggetti possono produrre una seconda fioritura alla fine della stagione.

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine
Seguici su Bonsai Suiseki Magazine
Seguici su Bonsai Suiseki Magazine

Fig. 5 - Brattee color giallo-arancio di una B.“California Gold “

Fig. 6 - Bougainvillea glabra ssp. Sanderiana Coll. Rocco Cicciarello - Settembre 2004

Fig. 7 - Aprile 2005

Normalmente non è difficile distinguere fra getti del primo e del secondo anno: quelli del primo anno sono ancora flessibili e di solito verdi, mentre quelli del secondo sono per lo più grigi o brunastri. Quelli che hanno più di due anni hanno una corteccia ben sviluppata, in genere scura, e sono duri e legnosi. Durante la potatura occorre eliminare sempre tutto il legno morto o danneggiato e tutti i rametti in eccesso. Per fare ingrossare i rami e per non fare perdere vigore alla pianta in educazione è necessario togliere tutti i fiori. Nella potatura si interviene accorciando di circa un terzo i rami principali e più in generale sfoltendo la pianta eliminando i rametti più deboli. La Bougainvillea è un’essenza che da sempre affascina i patiti del verde; educarla a bonsai invece sollecita l’entusiasmo di un minore numero di bonsaisti, e francamente non si capisce bene il motivo, anzi si capisce benissimo, perché il bonsai è considerato un fatto di mode e quindi anche le varie essenze godono di preferenze come se anche lì si debba parlare di moda. Un bonsai di bougainvillea è di notevole effetto estetico per il colore delle brattee che sono molto decorative e persistenti (tutta l’estate). Per ottenere una buona fioritura la pianta va concimata con dosi leggere durante tutto l’anno con un concime liquido (0-10-10 NPK), integrato con Bio Gold in tutto il periodo di esposizione all’esterno, dal momento della fioritura al ricovero autunnale. Non è il caso di preoccuparsi se nelle regioni del nord, ai primi freddi, la pianta inizia a perdere le foglie anche se è posta all’interno: occorre allora diminuire drasticamente la quantità di acqua e concime ed aumentare il tasso di umidità, ponendo il vaso su un vassoio pieno d’acqua, il più vicino possibile ad una fonte luminosa.

Bonsai suiseki Magazine

A Fig. 9 - Settembre 2007 - Fig.10 Luglio 2008

Bonsai suiseki Magazine

Patologie 
Per quel che riguarda i parassiti e le malattie si possono riscontrare:
- afidi infestanti la vegetazione, cocciniglie (genere Eulecanium) infestanti i rametti, pseudo coccidi che infestano i germogli, Metcalfa pruinosa, i cui stadi giovanili e adulti infestano la vegetazione imbrattandola di melata e di secrezioni sericee biancastre;
- marciumi del colletto, macchie necrotiche fogliari dovute ad alcuni agenti fungini.

L’esemplare mostrato in questa foto (Fig. 11) appartiene all’autore. L’acquistò anni or sono in un vivaio, le sue dimensioni in origine erano:
- altezza: cm 145;
- diametro nebari: cm. 46.
Le prime operazioni effettuate furono quelle volte a ridurre l’altezza dell’esemplare, scegliere i rami utili al progetto finale (Fig. 12), e rinvasarla al fine di potare e selezionare le radici per formare un buon apparato radicale, povero in fittoni ma ricco di capillari.

Bonsai suiseki Magazine

AFig. 11 - Bougainvillea in formazione Coll. Antonio Ricchiari

Bonsai suiseki Magazine

AFig. 12 - Progetto a medio-lungo termine della bouganvillea della Fig. 11

Social Share:

I tuoi commenti

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Scorri la barra orizzontale, ci sono altri articoli interessanti in questa sezione

Bonsai di Pino mugo - Le due ballerine
Mario Pavone

Bonsai di Pino mugo Le due ballerine Questo pino mugo, è entrato in mio possesso nel 2008. In un primo...

Bonsai di Ginepro
Rossana Peritore

Bonsai di Ginepro La ragazza dei sette veli La storia inizia in una fredda domenica mattina di Febbraio dell’anno scorso...

Bonsai di kaki
Umberto Scognamiglio

Bonsai di kaki KAKI I cachi che colorano le colline e i campi annunciano l'autunno in Giappone. L'aura di dignità...

Bonsai stile bunjin
Antonio Acampora

Bonsai stile bunjin BUNJIN L'esaltazione dell'essenzialità L'albero che appare nelle fotografie è un esemplare dal tronco vecchio e sottile, con...

Disegnare un bonsai
Gian Luigi Enny

Disegnare un bonsai Subito dopo aver postato sul forum alcuni miei disegni di bonsai, un paio di soci mi proposero...

The 8th World Bonsai Convention a Saitama
Giulio Veronese

The 8th World Bonsai Convention a Saitama Riceviamo e molto volentieri pubblichiamo un articolo di Giulio Veronese, un affermato giardiniere...

La quiete dopo la tempesta
Antonio Cerasuolo

La quiete dopo la tempesta Diedi questo nome all’olivastro oggetto di questa lavorazione perché il giorno in cui iniziai a...

Lavorazione di un Ginepro Itoigawa
Mario Pavone

Lavorazione di un Ginepro Itoigawa Questo ginepro della varietà itoigawa mi fu proposto da un amico per fotografia faceva parte...

Ice Falling Water
Mauro Stemberger

Ice Falling Water La ricerca delle piante con uno spiccato carattere è una delle cose che più mi affascinano nell’Arte...

Cambio di vento
Antonio Gesualdi

Cambio di vento Il Ginepro Fenicio rappresenta attualmente in Italia una delle più importanti cupressace a squama di interesse bonsaistico...

I luoghi del mondo hanno un odore

I luoghi del mondo hanno un odore I luoghi del mondo hanno un odore, quello che mi arriva aprendo la...

The beauty face of ugly
Mauro Stemberger

The beauty face of ugly Era il 2006 quando ebbi l'opportunità di acquistare da un raccoglitore questo interessantissimo araki di...

Un Silvestre da rimodellare
Antonio Conte

Un Silvestre da rimodellare L'amico Fabio Sigismondi del Bonsai Club di Novara mi lancia una nuova sfida affidandomi un silvestre...

Gli Acidi Umici
Luca Bragazzi

Gli Acidi Umici Il loro ruolo nella coltivazione Bonsai. Le "sostanze umiche" si dividono in tre principali frazioni: acidi fulvici,...

Coltivazione da seme
A.Acampora - F.Lepore

Coltivazione da seme Questo metodo richiede molta pazienza e meticolosità, ma permette di ottenere alberi particolarmente apprezzati. Una cosa da...

Jumiperus Basilisk
Nicola Crivelli

Juniperus Basilisk Ho acquistato questo Shinpaku (juniperus chinensis) nel 2004 per lavorarlo ad un workshop con il Maestro Suzuki Morio....

Storia di un Juniperus sabina
Sergio Biagi

Storia di un Juniperus sabina Correva l'anno 2000, in quegli anni era ancora una mia abitudine andare nei vivai a...

Bosco di faggi su pietra
Nicola Crivelli

Bosco di faggi su pietra Lo stile Yose-ue (boschetto), come lo stile Ishizuki (bonsai su roccia), fa parte della categoria...

Cipresso toscano inclinato
Sergio Biagi

Bonsai di Cipresso toscano inclinato Questa è una storia forse come tante, in un momento in cui il bonsai italiano...

Storia di un bonsai di Ficus
Alessandro Valfrè

Storia di un bonsai di Ficus Il ficus: un'essenza che può dire poco se impostata, come spesso si vede, secondo...

Boschetto di olmi su pietra
Gian Luigi Enny

Boschetto di olmi su pietra Tecniche di realizzazione di un boschetto di olmi (autoctoni) Posa su lastra di pietra, progetto...

Da tronco a Bonsai
Mauro Stenberger

Tasso - Da tronco a Bonsai Da semplice “Tronco" a “Bonsai” l’evoluzione di un tasso Asturiano raccontata da Mauro Stemberger...

Il primo step
Andrea Trevisan

Pino silvestre - Il primo step Questo Pino Silvestre è un materiale di provenienza francese raccolto durante la primavera del...

I concimi chimici
Luca Bragazzi

Bonsai e concimi chimici La concimazione è una pratica estremamente diffusa, se la si guarda sotto il profilo agricolo, essa...

Ricottura del filo di rame
Sergio Guerra

Ricottura del filo di rame per Bonsai All’inizio della mia avventura nel mondo dei bonsai non ho mai avuto problemi...

Realizziamo un Bonkei
Gian Luigi Enny

Realizziamo un Bonkei Con il termine bonkei (paesaggio in vassoio) s’indica l’arte di comporre un paesaggio in miniatura. Le origini...

La scelta del materiale di partenza
Antonio Acampora

Scelta del materiale di partenza per Bonsai L'esperienza più scoraggiante per un principiante bonsaista è forse il non riuscire a...

Il rinvaso
Antonio Acampora

Il rinvaso di un Bonsai La tecnica del rinvaso, correttamente applicata, ha un valore fondamentale nell’arte bonsai sia dal lato...

I concimi organici
Luca Bragazzi

Bonsai e concimi organici In questa seconda parte sulla concimazione, trattiamo un argomento, che, a mio avviso, è di estrema...

Avvolgimento del filo
Antonio Acampora

Avvolgimento del filo sui Bonsai L’avvolgimento è il più importante processo intermedio di modellazione, effettuato per finalità estetiche che viene...

Uso delle micorrize nella coltivazione bonsai
Luca Bragazzi

Uso delle micorrize nella coltivazione bonsai Le concimazioni autunnali vengono operate in un periodo in cui le condizioni ambientali, intese...

I Terricci
A.Acampora - P.Strada

Scelta dei Terricci per Bonsai Il ruolo importante che ha il terriccio per il bonsai viene spesso sottovalutato e troppo...

I Micro-elementi
Luca Bragazzi

I Micro-elementi Le nozioni che vengono trasmesse nel campo della concimazione sono sempre inerenti alla somministrazione dei tre Macro-Elementi (Azoto,...

Kiryu e lapillo
Luca Bragazzi

Kiryu e lapillo Nella composizione di un substrato, bisogna tenere presente di tutti gli aspetti che caratterizzano ogni suolo al...

Larice
Staff

Larice Il Larice appartiene alla famiglia delle Pinaceae e il genere comprende 12 specie.E‘ un albero a foglia caduca alto...

Acero tridente
Acampora-Ricchiari-Strada

Bonsai Acero tridente L’Acero Tridente (Acer buergerianum) é entrato nell’immaginario collettivo anche tra i non esperti di arte bonsai, come...

Carpino
Antonio Acampora

Bonsai di Carpino Il genere Carpinus contiene circa 35 specie di piante, con alberi di media e grande dimensione A...

Olivo
Antonio Ricchiari

Bonsai di Olivo L’Olivo interpreta l’essenza e l’identità del bacino del Mediterraneo, la sua millenaria storia, di popoli antichi e...

Pinus thunbergii
Umberto Scognamiglio

Bonsai Pinus thunbergii KUROMATSU - Il Giappone viene descritto come “il paese del pino”; quest’albero è stato a lungo una...

Olmo campestre
Gian Luigi Enny

Bonsai Olmo campestre Scheda di coltivazione a bonsai dell' Olmo campestre Un'essenza autoctona molto robusta e da valorizzare Scheda Tecnica...

L'acqua d'irrigazione e la sua qualità
Luca Bragazzi

L'acqua d'irrigazione per i Bonsai Nella pratica quotidiana della coltivazione bonsai, molti aspetti agronomici convergono, grazie ai nostri controlli su...

Il Ficus
Carlo Oddone

Bonsai di Ficus Si prestano a diventare bonsai sia i Ficus "orientali" che quelli nostrani. Un'enorme numero di varietù di...

Bougainvillea
Antonio Ricchiari

Bonsai di Bougainvillea La Bouganvillea - Famiglia: Nyctaginaceae Genere: Bougainvillea Specie: B. aurantiaca, B. buttiana, B. glabra, B. hybrid, B....

Il fascino varietale
Massimo Bandera

Bonsai e fascino varietale Durante una lezione col Maestro, ho avuto occasione di parlare delle varieta selezionate in rapporto alla...

La Quercia
Antonio Acampora

Bonsai di Quercia La Quercia, principali caratterisitiche botaniche della specie e consigli per l'utilizzo in ambito bonsaistico di questa essenza....

Ezomatsu
Umberto Scognamiglio

Bonsai di Picea Ezomatsu Prima della seconda guerra mondiale gli alberi allo stato naturale necessari alla coltivazione del bonsai venivano...

Torna su