Informativa Cookies

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Accetto' acconsenti all'utilizzo dei cookie.Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa a questo link INFORMATIVA COOKIES

Traduci

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

come realizzare uno tsuboniwa bsm GL Enny

 

Il nostro esperto di Giardini Giapponesi, Gian Luigi Enny, ci racconta come realizzare uno tsuboniwa, un angolo di relax e meditazione all'interno del nostro giardino.

Da oggi il vostro sogno di un giardino giapponese sereno e riposante può diventare realtà.

"Se guardate fuori dalla finestra al dondolio dolce di aceri e bambù, nella brezza, arbusti potati e alberi pieni di colore ...
Acqua tranquilla scivola tra le isole simboliche in turbinii di ghiaia con forme geometriche, per un momento si pensa che sia un sogno. Ma questo è il vostro giardino ed è vero e, tutto ciò si può  ottenere  facilmente più di quanto si possa immaginare ... "

Una delle realizzazioni di GL Enny, nel 2005
In Giappone lo tsuboniwa è un piccolo spazio adibito a zona meditazione-relax per la coltivazione di piante o la visualizzazione di oggetti ornamentali. Questi piccoli giardini sono stati originariamente trovati nei cortili interni del periodo Heian ed erano progettati per dare un pezzetto di natura e una certa privacy ai loro residenti, ed erano posti nel lato  posteriore  dell'edificio. Andavano da un minimo di uno tsubo, che è di circa 3,5 metri quadrati, ad un massimo di tre tsubo, circa 11m.quadrati.
Durante il periodo Edo,alcuni mercanti cominciarono a costruire piccoli giardini nello spazio anteriore dei loro negozi che si affacciavano sulla strada, questo aveva lo scopo di attirare l'attenzione di eventuali clienti di passaggio, per questo motivo si gareggiava nella realizzazione di giardini sempre più belli.

ELEMENTI: Il tradizionale tsuboniwa giapponese utilizza specifici elementi: una bassa  vasca per l'acqua che serve a suscitare un senso di freschezza, una lanterna votiva da giardino, pietre per sentieri e ponti. Questi accessori primari creano il disegno di base che, incorniciati da elementi dinamici come alberi, arbusti e piante erbacee  completano la tavolozza. Le vasche e le lanterne di pietra di granito scolpita a mano sottolineano l'influenza asiatica in questo tipo di giardino, così come un piccolo ponte sopra un torrente di sabbia o ghiaia, mentre  piccoli massi possono rappresentare montagne. Oggi gli tsuboniwa molto apprezzati per il poco spazio che occupano si possono trovare in molte residenze giapponesi ed anche in hotel, ristoranti e edifici pubblici.

STILE: Ogni elemento ha un significato ben preciso in questi piccoli giardini giapponesi. Nessun oggetto è posto senza premeditazione, in questa piccola superficie  si deve rappresentare il più possibile il paesaggio naturale dove viene realizzato cercando il più verosimilmente di suscitare la riflessione e la contemplazione dei significati spirituali più profondi della vita.
La riflessione e la contemplazione in un piccolo spazio
Come la tavolozza di un pittore (9x2 metri circa)
PIANTE: Prima di inserire piante e vegetali vari, sarà buona cosa analizzare la posizione del sole e dell'ombra nel vostro giardino, se il vostro tsuboniwa riceve luce solare limitata, si dovranno scegliere piante con poca esigenza di luce, mentre viceversa se il sole è abbondante si sceglieranno piante e arbusti esigenti di luce, mentre i muschi possono essere utilizzati in zone ombreggiate abbinando i vari tipi di muschi alla umidità disponibile. Varietà nane di arbusti o alberi lavorati a bonsai sono in linea con la piccola scala dello stile tsuboniwa.

REALIZZAZIONE: Quando vi accingete alla realizzazione di questo tipo di giardino dovete immaginare lo spazio disponibile come ad una tavolozza di un pittore. Orbene in questo piccolo spazio il giardiniere dovrà decorarlo e completarlo utilizzando elementi  naturali anziché i colori che userebbe l'artista per un quadro.
Vediamo ora con l'aiuto di alcune fotografie come è possibile la realizzazione di questo stile, in un piccolo spazio scelto a questo scopo.

Per prima cosa bisogna trovare il posto adatto alla realizzazione del piccolo giardino, poi disegnare uno schizzo per poter avere un idea di massima dei lavori da eseguire.
Questo spazio di 7/8 m.2 circa è stato ritagliato sfruttando una parte di verde adibito a relax e al gioco di bimbi oramai cresciuti, pertanto non più utilizzato a tale scopo.
Con un robusto badile si scorticherà per bene l'erba nella zona delimitata, questo intervento dovrà essere ben curato stando attenti a non lasciare residui di radici specialmente del genere gramigna, avendo questa la forza di rigenerarsi partendo anche da un piccolo pezzetto lasciato involontariamente.
Proseguendo,si metteranno a dimora le piante principali e si avrà cura di applicare sul terreno un buon telo per pacciamatura, questo farà si che eventuali erbacce rimangano soffocate impedendone la crescita.
A questo punto dopo aver inserito nel contesto una cannicciata di bambù come sfondo, armandoci di molta pazienza si continuerà con la sistemazione delle pietre le quali dovranno essere inserite una a una seguendo nei limiti il progetto di base, per l'inserimento  di eventuali cespugli secondari, sarà sufficiente tagliare il telo a forma di croce, piantare e richiudere.

Dopo aver posizionato tutte le pietre si nasconderà per bene il telo di pacciamatura ricoprendolo con del ghiaietto in modo uniforme lasciando vedere solamente le piante, i vari oggetti inseriti e le pietre sistemate precedentemente avendo cure di non lasciare parti esposte di telo nero

Ormai siamo arrivati alla conclusione, come potete vedere le dimensioni sono contenute, tutti gli elementi scelti sono entrati con ordine  nella tavolozza preparata precedentemente, l'impatto è gradevole,  non resterà che aspettare. Da ora in poi il piccolo giardino dovrà maturare con  gli anni avendo cura di seguirlo nel tempo con una manutenzione adeguata.


 

Vai all'inizio della pagina