Informativa Cookies

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Accetto' acconsenti all'utilizzo dei cookie.Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa a questo link INFORMATIVA COOKIES

Traduci

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

 

Il genere Carpinus contiene circa 35 specie di piante, con alberi di media e grande dimensione. A foglia caduca, è originario dell’Europa ma si può trovare anche nell’Asia del nord e nell’America centrale. Le varietà che in Giappone sono più usate per bonsai sono il Carpinus cordata, il Carpinus laxiflora e il Carpinus koreana. In Europa ed in America, la specie oriunda è il Carpinus betulus, che è molto abbondante e del tutto adattabile per una coltivazione come bonsai.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

L’Azoto o Nitrogeno (N) è il 4° elemento negli organismi viventi, il 19° sulla crosta terrestre di cui costituisce lo 0,03% ed infine rappresenta il 78% dell’atmosfera dove si trova prevalentemente sotto forma diatomica (N2). L’importanza dell’N si evince dai numerosi ruoli che questo elemento svolge non solo quale costituente delle proteine, degli acidi nucleici ma anche di molti cofattori enzimatici.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

Le piante sono organismi autotrofi che ricavano il loro nutrimento da semplici fonti inorganiche: carbonio (C), idrogeno (H) e Ossigeno (O) dall’aria e gli altri elementi sotto forma di cationi inorganici (K+) o ossidi (NO3-) dalla soluzione del terreno. Tutte le piante necessitano almeno di 16 elementi chimici e ciascuno di essi svolge funzioni biochimiche e fisiologiche specifiche nella cellula, tali da rendere questi elementi essenziali per la crescita e lo sviluppo della pianta.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

Nell'articolo precedente (Fitormoni. Cenni storici ed importanza fisiologica) è stata trattata brevemente la storia degli ormoni vegetali, accennando qualcosa sulla loro scoperta e sulla loro funzione. In particolare sono stati trattati i due fitormoni etilene ed acido abscissico (ABA) più comunemente noti come ormoni della senescenza.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Quando un individuo vuole spingere il proprio corpo a fare qualcosa esso può ricorrere al proprio sistema nervoso che guida delle specifiche reazioni, come ad esempio sollevare un bicchiere o grattarsi la testa. O può ricorrere al sistema ormonale che invece gestisce delle reazioni più generali, come il rilascio di adrenalina per resistere ad uno stress quale ad esempio una lunga corsa. A differenza dei componenti del regno animale le piante non possiedono un sistema nervoso e quindi tutte le funzioni del proprio organismo, generiche o specifiche che siano, sono gestite a livello ormonale.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Il Larice appartiene alla famiglia delle Pinaceae e il genere comprende 12 specie.
E‘ un albero a foglia caduca alto fino a 40 metri con foglie aghiformi verde tenue; gli aghi, piatti, stretti e teneri, possono essere singoli o in mazzetti di 20 o 30.
E’ monoico, fiorisce tra aprile e giugno, e la sua corteccia è rosso bruno. Tipico delle regioni montane a clima rigido dell’emisfero boreale, lo si trova in Europa centrale e settentrionale, in nord America e in Asia.

Vai all'inizio della pagina